Seychelles, sfumature d’azzurro

Un volo prenotato il giorno di Natale di due anni fa, senza pensarci troppo.. Quelle occasioni da non perdere..

Una meta forse proibitiva, molte volte associata ai viaggi di nozze o viaggi per pochi.. Ed invece è stata una piacevole smentita..

Una natura incontaminata, verde e rigogliosa, temperature perfette.. una ricarica pazzesca per chi arriva dal freddo inverno del nord Italia..

Seychelles
Grand Anse, Praslin

Un arcipelago di 115 isole situate nell’oceano Indiano, a circa 1500 km ad est della costa africana. Di 115 isole, 36 sono completamente disabitate.

Un arcipelago che conta una popolazione di circa 92.000 abitanti, di cui 75.000 vivono a Mahè.

Le lingue ufficiali sono il francese, l’inglese e il creolo seichellese (un francese molto elementare). La religione più diffusa è il cattolicesimo (82.3%).

L’ aeroporto internazionale si trova a nord di Mahè. Altre isole hanno aeroporti minori.

Le Seychelles storicamente furono una colonia francese fino al 1814, quando passarono sotto il controllo britannico. Nel 1976 divennero indipendenti, si costituì la repubblica delle Seychelles.

Le 3 isole principali sono: Mahe, Praslin e La Digue..

Mahe è l’isola più grande, centro politico, economico, culturale e finanziario. La capitale è Victoria, ed è la zona più popolata delle Seychelles, circa il 90% delle popolazione vive qui. È chiamata “l’isola dell’abbondanza” per la bellezza e la grande varietà di flora presente nell’isola.

Grandi montagne di granito ricoperte di vegetazione e spiagge bellissime dalla sabbia bianchissima, acque verdi-turchesi.

Praslin è più selvaggia, qui gli abitanti vivono principalmente di pesca. Le spiagge sono incontaminate, la vegetazione rigogliosa e in molte zone non ci sono servizi o bar nelle spiagge.

La digue è una piccola chicca..

Il punto di ingresso è il piccolo porto. È collegata con le altre isole con traghetti frequenti.

Al porto troverete venditori di escursioni e noleggio bici in ogni angolo.. Consiglio il noleggio bici in modo da arrivare facilmente in qualsiasi angolo dell’ isola😍..

Nell’isola è vietata la circolazione delle auto, solo le attività commerciali e gli hotel hanno dei veicoli a motore o elettrici.

Il viaggio, punti chiave:

CLIMA

Il clima è tropicale, caratterizzata da temperature alte ma costanti per tutto l’anno (24°-31°).

La stagione delle piogge va da dicembre a marzo, mentre quella secca, ma più fresca, da giungo a settembre.

Noi siamo stati nella seconda metà di marzo e abbiamo trovato 15 gg di sole, mai un acquazzone, temperature alte ma piacevoli.

Le Seychelles si trovano vicino l’Equatore quindi godono di 12h di luce tutto l’anno.

Il sole sorge alle 6 e tramonta presto, verso le 18e30.

Il fuso orario con l’Italia è di due ore d’estate e 3 ore d’inverno.

VOLO e TRASFERIMENTI

Ci sono molte compagnie che volano sulle Seychelles.. Ben 8!

L’offerta volo da noi scovata era proposta dalla compagnia Turkish Airlines+Air Seychelles (costo circa 450euro/pax).

La tratta era Venezia-Praslin, due scali tecnici, Istanbul e Mahe’. Per questo motivo a malincuore abbiamo saltato Mahe’.. Ma non è detto che non si possa tornare!💁

Una volta atterrati a Mahe’ le alternative sono due per raggiungere Praslin: il volo interno (aereo bimotore, 15 posti, tempo di volo circa 20 min ) oppure il traghetto.

Le principali linee dei traghetti sono: Cat Cocos e Cat Rose.

  • I traghetti Cat Cocos collegano Mahè a Praslin. Il viaggio dura circa 1 ora. Ci sono 3 corse al giorno, il costo è, in classe economy, di circa 50 euro a persona, a tratta. Una delle tre corse è diretta, ossia collega Mahè a La Digue. Il costo è circa di 64 euro a persona a tratta, dura circa 90 min con una piccola sosta a Praslin (non dovrete cambiare traghetto).
  • I traghetti Cat Rose percorrono la tratta Praslin-La Digue-Praslin. La durata è di 15 min ad un costo circa di 14 euro a persona, a tratta. Ci sono 8 collegamenti al giorno, ultimo (La Digue-Praslin) parte alle 17.45.

SISTEMAZIONE

Nelle isole avrete l’imbarazzo della scelta, resort di lusso, alberghi, b&b, guest-house o residence.. Noi abbiamo optato per il residence, precisamente a Grande Anse, Praslin.

Un piccolo centro con supermercati, ristorantini, take away e banche per il cambio. il costo della vita è molto basso, troverete ristorantini o take away economici.

Durante il giorno portatevi via sempre acqua, qualcosa da sgranocchiare e protezione solare, non sempre le spiagge sono atrezzate. Se volete cucinare vi suggerisco di acquistare pasta o riso in sacchetti di plastica (non nelle scatole di cartone). Non mi è capitato personalmente ma ad una coppia conosciuta durante un’escursione, purtroppo ha trovato spiacevoli animaletti all’interno della scatola della pasta B. (è da considerare che le temperature all’interno dei supermecati sono elevate, i locali non climatizzati e i prodotti italiani non consumati frequentemente).

A mio avviso Grand Anse è un punto strategico per spostarsi. Proprio di fronte al residence c’è la fermata del bus che vi porterà ovunque.

La moneta ufficiale delle Seychelles è la rupia seichellese.

Tranquilli. Hotel, ristoranti, parchi e musei hanno l’obbligo di accettare dollari, euro e pagamenti con le carte di credito. E’ possibile prelevare (in rupie) negli sportelli bancomat delle banche locali o cambiare allo sportello (in Italia non si può effettuare il cambio).

TRASPORTI

Per girare l’isola potete prenotare un’automobile, on line troverete molti siti. Io di solito mi affido a rentalcar.com oppure potete chiedere al vostro albergo/residence per il noleggio. I prezzi molte volte sono minori rispetto al prezzo on line.

La guida è a sinistra, la velocità massima consentita 40km/h.

I seychellesi devo dire che sono molto spericolati alla guida quindi alti livelli di attenzione se noleggiate un mezzo. Sappiatelo!😐

L’alternativa all’auto sono i mezzi pubblici. Noi, infatti, abbiamo girato tutta Praslin con il bus. Puntualissimi e molto economici, una tratta costa circa Euro 0.30. La frequenza è di circa 45 min, e sono molto frequentati dagli abitanti locali. Il biglietto è uguale per tutte le trattee si fa direttamente a bordo. Tutte le principali spiagge sono collegate ed è il modo più semplice per integrarsi con la comunità 🙂

A La Digue suggerisco di noleggiare una bicicletta una volta arrivati al porto. Avrete l’imbarazzo della scelta. Potrete girare l’isola senza grosse difficoltà.. d’altronde un po’ di sport non fa male in vacanza!

Le auto a La Digue non sono consentite ai turisti. E’ consentito l’uso di auto e camion solo per le attività come alberghi, negozi e ristoranti.

Anse Lazio, Praslin
Sfumature d’azzurro

Spiagge paradisiache protette da una vegetazione rigogliosa e brillante, il mare azzurro-verde. Un colore vivo, un azzurro che brucia gli occhi, la sabbia bianca, anzi bianchissima. Una natura incontaminata, in molte zone ancora libera da bar e ristoranti a ridosso delle spiagge.

Vedere per credere..

Con affetto,

Silvia


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...